Befana corteo 2007

impariamo la voga alla veneta

 

la voga alla veneta

transport3I Veneziani remano in piedi. Ciò non è cosí facile, ma una volta imparato è molto divertente e contiene molti vantaggi: si vede, dove si rema e si è molto flessibili. Sia canali stretti, che su acque basse o mari aperti, con questa tecnica si arriva ovunque. Esistono molti tipi di barche, a seconda dell`utilizzo (per il trasporto o per sport o per diletto).

Il vogatore è rivolto verso la direzione di vogata inserendo il remo nell'apposita apertura della "forcola". Per colui che è alle prime armi non è cosa semplice riuscire a compiere questo movimento mantenendo contemporaneamente l'equilibrio ed evitando di perdere il remo dall'appoggio. Ma prima o poi s'impara (come hanno fatto gli stessi veneziani..)

In particolar modo, m'affascina la sensazione di appoggiare i piedi al livello dell'acqua della laguna e poter scorreci sopra. L'arte di questa voga risiede nel completo equilibrio che si viene a stabilire (col tempo) tra la barca, il remo, l'acqua e chi voga. S'impara a "capire" le onde, la loro forza, la loro direzione per poterle di volta in volta evitare o gestire al meglio.Regatta Redentore 2006

Non esiste modo migliore di conoscere la laguna (la sua flora e fauna), se non quello di esplorarla con una barca a remi vogandola alla veneziana. Per non parlare della sua cultura, di come la sua gloriosa storia si sia letteralmente formata in queste e da queste acque.

Quando, poi, osserviamo dall'alto di un ponte il passare di un gondoliere, possiamo davvero capire ció che stá facendo.

Nel mondo sportivo la voga alla veneta è una disciplina di resistenza, che mette alla prova il corpo nella sua interezza. Malgrado ció queste imbarcazioni durante le regate possono essere vogate su brevi distante in modo molto veloce.

weiss_1a_abgleichweiss_2_abgleichweiss_3_abgleichweiss_4_abgleich